Il Commento | da un'idea di Antonio Corona

Libia e flussi migratori

di Antonio Corona

Azione diplomatica, sistemi/apparati economici e militari.

Ovvero, benché non unici, assi portanti della politica estera di un qualsiasi Paese di una qualche rilevanza.

Paradigmatico, in proposito, l’incedere delle Grandi Potenze nel perseguimento dei propri interessi.

Ove a rivelarsi infruttuose vie negoziali, blandizie, pressioni economiche, ecco, sulla linea dell’orizzonte, profilarsi d’incanto minacciosi flotte ed eserciti.

E viceversa.

Con le tre leve, se occorra, manovrate anche contemporaneamente.

Non andava diversamente nell’antichità.

La Roma tardo-imperiale, ormai esausta e ridimensionata sul piano militare, ritenne di potersi garantire la sopravvivenza barattandola con l’oro.

(Continua a leggere…)

Italia senza orgoglio

di Maurizio Guaitoli

L’Europa Unita?

Da ancrage o ancoraggio, a échouage o naufragio sulle irte scogliere della perniciosa euroburocrazia bruxelloise e della vergine di ferro monetaria di Francoforte?

Due date; due ere.

La prima, quella della finta Fine della Storia, del 26 dicembre 1991, quando il Soviet Supremo dell’Unione Sovietica proclamò la dissoluzione della stessa Urss. Soltanto due mesi dopo, il 7 febbraio 1992, i membri della Comunità economica europea si riunirono a Maastricht, in Olanda, per approvare il Trattato omonimo con il quale venivano creati l’Unione Europea, un mercato e una moneta comuni. Ma, da allora, quell’Europa federale sognata nel Manifesto di Ventotene dai suoi padri fondatori si è arenata e involuta.

(Continua a leggere…)

AP-Associazione Prefettizi informa

a cura di Roberta Dal Prato*

Il 10 aprile u.s. si è tenuto, presso il Dipartimento per le Politiche del personale dell’Amministrazione civile e per le Risorse strumentali e finanziarie, un incontro, concernente la proposta dell’Amministrazione di modifica del decreto ministeriale 3 dicembre 2003 recante la disciplina della mobilità dei dirigenti della carriera prefettizia, presieduto dal Capo Dipartimento Prefetto Luigi Varratta, alla presenza del Vice Capo Dipartimento Vicario Prefetto Maria Grazia Nicolò e del Direttore Centrale per le Risorse Umane Prefetto Anna Maria Manzone.

Da tale proposta, che prevede soltanto limitati interventi sulla disciplina vigente, emerge che l’impianto mobilità resterebbe pressoché inalterato.

(Continua a leggere…)