Il Commento | da un'idea di Antonio Corona

Giovanni Falcone: una persona qualsiasi

di Antonio Corona

A chi si accinga a farlo, già il semplice pronunciarne ad alta voce il nome può incutere il timore di non esserne degni.

Conforta peraltro che non possa pretendersi il possesso di talenti, analoghi a quelli del relativo autore, in coloro che intendano comprendere, apprezzare, persino discutere un’opera d’arte, accomunati tra l’altro come siamo da una medesima natura, umana, inesorabile nell’inchiodarci tutti alla imperfezione e alla incompiutezza.

Giovanni Falcone: un gigante?

Viene da chiedersi in qual modo, un semplice… mortale, potrebbe allora porsi nella stessa prospettiva dalla quale, da quella vertiginosa altitudine, Giovanni Falcone abbia interpretato il mondo circostante, addivenendo altresì a scelte costategli infine la vita.

(Continua a leggere…)

S.M. l’Algoritmo. Noi e la guerra ibrida

di Maurizio Guaitoli

Chi bara al gioco della Big-(dis)Information?

Tanti. Davvero forse troppi attori che si confondono nell’intreccio delle migliaia di fili virtuali che stanno dietro tutte le trasmissioni (si parla qui dell’intero panorama mediatico occidentale) di grande ascolto, con in primissima fila i talk dalle ore 20.00 in poi. Ormai, è ben chiaro a chiunque come la frequenza elevata di apparizione e di intervento di personaggi all’inizio semisconosciuti abbia come effetto, a seguito di questi “continui rimbalzi” in progressione geometrica, di renderli delle personalità di primo piano, fino a costruire su di loro e su misura carriere politico/mediatiche di grande successo. I Cinque Stelle pre-2018 costituiscono un esempio lampante in tal senso.

Ora, chiaramente, chi tra gli ignari spettatori sarebbe in grado di vedere sullo sfondo i “Burattinai” che stanno di volta in volta dietro questo complicatissimo sistema-meccanismo?

(Continua a leggere…)

Un breve ricordo di Luisa Adorno (e del Prefetto Luigi Stella)

di Attilio Carnabuci

L’estate scorsa, all’età di novantanove anni, si è spenta la scrittrice pisana Luisa Adorno(pseudonimo di Mila Curradi Stella).

Poco nota al grande pubblico, è ricordata soprattutto per alcuni brevi romanzi di carattere autobiografico nei quali sono rievocate con bonaria ironia, non disgiunta da un sottile velo di tristezza, le vicende della famiglia del marito di origine siciliana.

Tra tali romanzi merita, in particolare, di essere ricordato L’ultima provincia, la cui azione si svolge, nell’immediatezza del secondo dopoguerra, prevalentemente in una Prefettura dell’Italia centrale e il cui protagonista è il suocero della stessa Autrice, il Prefetto della Repubblica Vincenzo Adorno, dietro cui si nasconde in realtà il nome di Luigi Stella(Catania, 4 luglio 1893–Roma, 22 febbraio 1983).

(Continua a leggere…)

AP-Associazione Prefettizi informa

a cura di Alba Guggino*

Nel pomeriggio del 25 maggio u.s., primo incontro Amministrazione-OO.SS. personale interessato su modello e assetto organizzativo dell’Amministrazione civile dell’Interno, presieduto dall’On.le Sottosegretario di Stato Ivan Scalfarotto.

Sintetico ma articolato l’intervento del Presidente di AP, diretto a tracciare il contesto, in evoluzione, di riferimento politico-amministrativo del tema all’esame e a fornire contestualmente alcune prime ipotesi di azione per fare fronte, sin nell’immediato, alla drammatica situazione degli organici e all’inarrestabile profluvio sulle prefetture di attività caratterizzate sovente dal crisma della emergenza.

*dirigente di AP-Associazione Prefettizi