Il Commento | da un'idea di Antonio Corona

Il commento XV raccolta 2017 – 21 dicembre 2017

 
Un sereno Santo Natale
e un felice Anno nuovo
 
  • A distanza di un anno, di Antonio Corona
  • Zuckerberg ti odio! Gerusalemme ti amo!, di Maurizio Guaitoli
  • Disavventure di un cavallo e un istrice, di Leopoldo Falco
  • AP-Associazione Prefettizi informa, a cura di Roberta Dal Prato

Approfondimenti

Misure di safety e security nelle manifestazioni in luogo pubblico o aperto al pubblico e nelle manifestazioni in luogo di pubblico spettacolo. Profili operativi(parte seconda-fine),di Adriana Sabato

download

A distanza di un anno

di Antonio Corona

“Ineccepibili.

Tali, al termine del giro di consultazioni, paiono le conclusioni del Presidente della Repubblica, cui si rivolge un deferente e sentito saluto.

Ancor più in esito al referendum costituzionale, infatti, il primato (almeno… formale) spetta al Parlamento.

Parlamento che, da ultimo in occasione del voto di fiducia sulla legge di stabilità, e patemi verdiniani (in Senato) permettendo, ha confermato la esistenza di una consistente maggioranza di governo.

Non fosse stato per la dichiarata intenzione di legare il suo destino politico al risultato dello scorso 4 dicembre, lo stesso premier uscente si troverebbe ancora saldamente in sella.

(Continua a leggere…)

Zuckerberg ti odio! Gerusalemme ti amo!

di Maurizio Guaitoli

I Social Media sono un minaccia per la Democrazia?

Sì!, secco.

Facebook, Google, Twitter, miti nati all’interno della ideologia digitale della Technè, dovevano essere quegli Dei in Gigabyte capaci di guarire la politica malata attraverso l’informazione aperta, con il fine nobilissimo di eradicare pregiudizi e false credenze.

Come sta andando, invece?

Esattamente all’opposto: abbiamo costruito l'incredibile Impero FN delle Fake News. Absit iniura verbis, però: FN è anche la sigla ben nota della formazione di destra dei Le Pen(Front National), che non ha, evidentemente, nulla a che vedere con il nostro discorso(ma sarà proprio cosi?).

(Continua a leggere…)

Disavventure di un cavallo e un istrice

di Leopoldo Falco

L’Italia è bella e ci sorprende sempre per il suo fascino e la ricchezza, e varietà, delle sue meraviglie.

Commissario a Sezze Romano negli anni 2006-7, mi trovai a vivere in un microcosmo particolarissimo che non avrei mai immaginato di conoscere.

Sezze è collocata nei Monti Lepini su una sorta di balcone naturale che dall’alto guarda la sottostante piana, ex palude, e il mare, con sullo sfondo il promontorio del Circeo.

Eppure, a fronte di tale bellezza la storia di Sezze si è sempre svolta sull’altopiano retrostante in collegamento, fisico e culturale, con gli altri paesi che popolano quella realtà: con sullo sfondo il magnifico e selvaggio parco della Semprevisa.

(Continua a leggere…)

AP-Associazione Prefettizi informa

a cura di Roberta Dal Prato*

Il 18 dicembre u.s., si è svolto un incontro sindacale, coordinato dal Prefetto Sgaraglia, in cui è stata illustrata dal Prefetto Stefano Gambacurta e dal Dirigente Sup.re Dr. Francesco Famiglietti una proposta di riassetto del Settore tecnico-logistico del Dipartimento della Pubblica Sicurezza, in risposta all’esigenza di intervenire in modo sistemico e organico sugli assetti sia organizzativi, sia funzionali.

(Continua a leggere…)

Misure di safety e security nelle manifestazioni in luogo pubblico o aperto al pubblico e nelle manifestazioni in luogo di pubblico spettacolo. Profili operativi(parte seconda-fine)

Approfondimenti

di Adriana Sabato*

1.e) Procedimentalizzazione della sicurezza.

È dunque evidente come l’analisi del rischio e della rilevanza delle manifestazioni sia ampiamente discrezionale.

Secondo la dottrina tradizionale, la discrezionalità amministrativa, consta di due momenti fondamentali, quello del giudizio e quello della volontà(o scelta).

Il giudizio si materializza nell’individuazione e nell’analisi dei fatti e degli interessi, primari e secondari, effettuate sulla base di un’istruttoria.

La scelta, invece, è il momento in cui l’amministrazione, alla luce delle risultanze del giudizio, mediante il quale ha fissato una mappa degli interessi rilevanti, adotta la soluzione che ritenga più opportuna e conveniente per il miglior perseguimento del fine pubblico primario.

(Continua a leggere…)