Antonio Corona | Il Commento

Antonio Corona

L’ora di Matteo

di Antonio Corona*

…Luciana, Matteo…

Messa così, in ordine alfabetico, sembra non suscitare particolare stupore.

A ben vedere, si è già visto un prefetto alla guida del ministero dell’Interno.

Persino la successione da prefetto a prefetto può non sorprendere.

Si pensi a Luciana Lamorgese, titolare, appunto, del Viminale dal 5 dicembre 2019 al 13 febbraio 2021, succeduta a se stessa da quella medesima data.

Varrà nondimeno rammentare che, pur se valentissimi, si è pur sempre trattato di prefetti da tempo collocati in quiescenza, Lamorgese compresa, nominata ministro già da consigliere di Stato.

Stavolta, invece, l’avvicendamento, da prefetto a prefetto, riguarda, sì, un prefetto: con quello subentrante, però, in servizio, ben lontano dalla pensione.

(Continua a leggere…)

Giovanni Falcone: una persona qualsiasi

di Antonio Corona

A chi si accinga a farlo, già il semplice pronunciarne ad alta voce il nome può incutere il timore di non esserne degni.

Conforta peraltro che non possa pretendersi il possesso di talenti, analoghi a quelli del relativo autore, in coloro che intendano comprendere, apprezzare, persino discutere un’opera d’arte, accomunati tra l’altro come siamo da una medesima natura, umana, inesorabile nell’inchiodarci tutti alla imperfezione e alla incompiutezza.

Giovanni Falcone: un gigante?

Viene da chiedersi in qual modo, un semplice… mortale, potrebbe allora porsi nella stessa prospettiva dalla quale, da quella vertiginosa altitudine, Giovanni Falcone abbia interpretato il mondo circostante, addivenendo altresì a scelte costategli infine la vita.

(Continua a leggere…)

Conflitto russo-ucraino (ancora) Domande, domande… Risposte?

di Antonio Corona

226 a.c..

Con il Trattato dell’Ebro, Roma e Cartagine – quest’ultima uscita pesantemente sconfitta e ridimensionata dalla prima guerra punica – addivengono infine a una intesa sulle aree di rispettiva influenza in Spagna.

Benché situata in zona di pertinenza punica, Sagunto è legata da stretto rapporto di amicizia al sorgente astro latino.

219 a.c..

Annibale – figlio del grande generale Amilcare Barca, al quale aveva solennemente giurato odio eterno verso la città sulle sponde del Tevere – la assedia ed espugna.

(Continua a leggere…)

Conflitto russo-ucraino Domande, domande… Risposte?

di Antonio Corona

Giusta o meno che sia, la linea finora adottata da Roma sul conflitto russo-ucraino appare l’unica ragionevolmente percorribile.

Anche volendo, considerati altresì l’insieme e lo stato attuale di risorse e capacità produttive ed economico-finanziarie del sistema-paese, non pare infatti esservi alcuno spazio per iniziative in autonomia.

Tanto vale uniformarsi a Bruxelles.

Non fosse altro, per potere poi legittimamente reclamarne la benevolenza sulle difficoltà che continuano ad avviluppare una penisola così pesantemente zavorrata da un asfissiante debito pubblico e da un insopprimibile, insaziabile, inappagabile, bisogno di materie prime.

(Continua a leggere…)

Il senso della memoria (per una storia dell’A.N.F.A.C.I.)

di Antonio Corona

Non siamo forse esattamente noi, proprio noi, in ogni occasione istituzionale, a insistere, in ispecie con i giovani, sul valore della memoria, a ribadirne il profondo significato?

E non siamo esattamente noi, proprio noi, nelle circostanze deputate, tutti compresi nel nostro ruolo, a cantare l’Inno di Mameli mano destra poggiata sul cuore?

Come si ricorderà, il poeta patriota genovese perì di setticemia, a soli ventuno anni, a causa di una ferita mal curata riportata sulle barricate della Repubblica romana del 1849.

Nel suo celebre Canto, musicato da Michele Novaro, ebbe ad attingere a piene mani dalla memoria storica delle genti italiche per sollecitarne orgoglio e voglia di riscatto.

(Continua a leggere…)

Firmato il rinnovo del contratto del personale della carriera prefettizia (triennio 2019-2022) AP non sottoscrive

di Antonio Corona*

Sottoscritto, qualche ora fa, il rinnovo del “nostro” contratto.

Con la sola eccezione di AP.

È noto che, sin dall’inizio della trattativa, AP avesse aderito convintamente a un “cartello” unitario con Si.N.Pre.F. e S.N.A.Di.P., con cui si è perciò premurata di agire in piena sintonia.

Fino alla non apposizione della propria firma sul testo(bozza finale riportata integralmente in allegato) convenuto con la delegazione di parte pubblica.

Motivo: la mancata modifica della disposizione relativa al conferimento dei distacchi sindacali.

In estrema sintesi, la vicenda.

(Continua a leggere…)

4 novembre. Giorno dell’Unità nazionale e Giornata delle Forze armate 4 novembre 1921. Cento anni fa, l’ultimo viaggio del Milite Ignoto (pillole di storia)

di Antonio Corona

1849.

Il 24 marzo, a Vignale, l’armistizio sottoscritto con il maresciallo austriaco Radetzky da Vittorio Emanuele II, subentrato al padre Carlo Alberto che aveva abdicato in suo favore.

La sconfitta del Regno di Sardegna segna la fine della Prima Guerra d’Indipendenza, che pure tante speranze aveva inizialmente suscitato nei patrioti italiani.

Il 1849 è pure l’anno che vedrà la breve vita della Repubblica romana, repressa nel sangue dalle cannonate del francese Oudinot e sulle cui barricate troverà la morte Goffredo Mameli.

Dovranno trascorrere dieci interminabili anni perché, stavolta a ciò costretta dagli esiti del conflitto ingaggiato con la alleanza sardo-francese, sia l’Austria a chinare il capo.

(Continua a leggere…)